Dire basta alle violenze in Etiopia !

| 0 commenti

Il 3 dicembre una Conferenza Stampa presso la Stampa Estera

Alle ore 15,30, a Roma, in Via dell’Umiltà 33, nella Sala della Biblioteca della sede della Stampa Estera, il 3 dicembre si terrà una Conferenza Stampa per denunciare il proseguire delle violenze in Etiopia e la difficile condizione della donna.
ANCHE IL SILENZIO UCCIDE è il titolo scelto per la Conferenza Stampa a cui prenderà parte anche Gemma Vecchio, presidente di Casa Africa, l’Associazione che dal 2009 si batte per lo sviluppo umano a tutto tondo con iniziative di segno politico e con mille azioni di aiuto ai migranti, immigrati, rifugiati, senza distinzione di appartenenza religiosa, culturale o di provenienza geografica.

Che una donna come Sahlework Zewde nell’ottobre del 2018 sia divenuta capo dello Stato con voto unanime del Parlamento, e che un’altra donna sia stata nominata Presidente della Corte Suprema in Etiopia sono stati davvero eventi straordinari, ma non sono bastati al raggiungimento di una vera emancipazione della donna in tutto il paese. Molteplici sono le contraddizioni e le difficoltà per il riconoscimento di una vera parità e occorre accendere un faro sul fenomeno che non sembra certo arretrare in questi ultimi mesi. Questo l’obiettivo degli organizzatori della Conferenza e della sede prescelta per sensibilizzare la stampa e i media sul fenomeno del perdurare di condizioni di sottomissione delle donne in Etiopia.

Autore: Maria

Responsabile dal 2010 al 2013 della Settimana europea della democrazia locale presso il Consiglio d'Europa (Strasburgo), è stata Segretario Generale della Fondazione Anci Ideali (Bruxelles) dal 2003 al 2009 e dal 1988 dipendente dell'Anci nazionale a Roma, responsabile dal 1995 dell'ufficio per le politiche comunitarie, le relazioni internazionali e il Mezzogiorno. Dal 2017 collabora con Casa Africa.

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.