RSI: la parola agli studenti di Casa Africa

| 0 commenti

Un servizio del TG di Radiotelevisione  svizzera di lingua Italiana ha focalizzato la percezione del razzismo da parte dei migranti a Roma.

Era il 6 febbraio, ad una settimana dal terribile delitto di Macerata, quando il corrispondente di RSI a Roma ha intervistato alcuni ragazzi della nostra scuola sulla loro percezione della preoccupante ondata di razzismo che stava connotando la propaganda elettorale in quel momento. Loro, sia pure tradendo qualche emozione davanti alla macchina da presa, hanno offerto con pacatezza il loro punto di vista. Nell’intervista, Abdoullaye racconta che gli è capitato di rassicurare sull’autobus una signora che proteggeva la sua borsetta sospettandolo forse di volerla borseggiare, Mamadou sostiene che tra i migranti ci sono buoni ragazzi, ma c’è anche chi sbaglia, come dappertutto, e infine Luc, un po’ disincantato, dice che il razzismo esiste da sempre e non finirà certo domani…Insomma, sembrano commenti di chi ha messo in conto già da tempo che il percorso verso una vita migliore comprende anche tortuosi sentieri in salita.

CLIP: https://youtu.be/lCtcUrFDBBo

SERVIZIO INTERO: https://youtu.be/uROSUdpbApk

 

 

Autore: Maria

Responsabile dal 2010 al 2013 della Settimana europea della democrazia locale presso il Consiglio d'Europa (Strasburgo), è stata Segretario Generale della Fondazione Anci Ideali (Bruxelles) dal 2003 al 2009 e dal 1988 dipendente dell'Anci nazionale a Roma, responsabile dal 1995 dell'ufficio per le politiche comunitarie, le relazioni internazionali e il Mezzogiorno. Dal 2017 collabora con Casa Africa.

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.