1 Luglio 2020
di admin
0 commenti

Ricorda di donare il tuo 5×1000

Il 5 per mille è un contributo obbligatorio che il lavoratore deve versare ad un’associazione. Il contributo serve al finanziamento le attività dell’associazione.

A te non costa niente, ma per noi è davvero molto!

Per donare il tuo 5×1000 a Casa Africa puoi usare il codice fiscale 97533990582.

Puoi effettuare le donazione anche su conto corrente postale numero 98964448 intestato a Casa Africa associazione di solidarietà e promozione sociale Onlus.

Le donazioni sono detraibili dalle tasse fino al 26%. Se ti va di aiutarci nella tua dichiarazione dei redditi o sul CUD inserisci il nostro codice fiscale. L’unica fonte di sostentamento per la nostra associazione, il nostro è puro volontariato nessuno le nostre spese e solo pagamento del canone e le utenze con il 5×1000 e le vostre donazioni.

19 Dicembre 2019
di Maria
0 commenti

Si avvicina il Natale a Casa Africa … ma le lezioni continuano!

Alla fine della lezione uno scambio di auguri!

Quest’anno abbiamo avuto il generoso dono di 100 panettoni da parte di Gino, un insegnante volontario della Scuola di Italiano di Caasa Africa.
I panettoni vengono distribuiti a tutti gli studenti che durante il periodo natalizio frequentano le lezioni.
La scuola di Casa Africa infatti rimane chiusa solo il 25, il 26 Dicembre e il 1 Gennaio.
In tutti gli altri giorni, Casa Africa rispetta gli orari consueti con le ore di insegnamento della mattina e del pomeriggio.
Ma la vera Festa del Natale sarà come ogni anno il PRANZO di NATALE del 25 Dicembre organizzato dalla Presidente Gemma Vecchio!
AUGURI A TUTTI COLORO CHE CI SEGUONO!

10 Dicembre 2019
di Maria
0 commenti

Cambiamenti climatici: a soffrire di più sono le popolazioni in fuga da guerre e carestie

Un reportage della BBC denuncia lo stato di estrema difficoltà delle popolazioni che in diverse parti dell’Africa e dell’Asia vivono nei campi profughi. Il maggior rischio è associato alle inondazioni che stanno colpendo molte aree dell’Africa e dall’estrema siccità che colpisce invece altre aree.
Le cascate del Lago Vittoria sono quasi asciutte, mentre le inondazioni colpiscono aree del Mozambico e del Sud Sudan.
Uno studio dell’UNHCR denuncia che solo nel 2018 ammontano a più di 10 milioni il numero di persone che abbandonano le loro case a causa di guerre e conflitti, mentre quasi il doppio (17 milioni) sono coloro che lo fanno per sfuggire da calamità naturali, quali inondazioni, uragani, frane, terremoti, incendi e temperature estreme.

1 Dicembre 2019
di Maria
0 commenti

Dire basta alle violenze in Etiopia !

Il 3 dicembre una Conferenza Stampa presso la Stampa Estera

Alle ore 15,30, a Roma, in Via dell’Umiltà 33, nella Sala della Biblioteca della sede della Stampa Estera, il 3 dicembre si terrà una Conferenza Stampa per denunciare il proseguire delle violenze in Etiopia e la difficile condizione della donna.
ANCHE IL SILENZIO UCCIDE è il titolo scelto per la Conferenza Stampa a cui prenderà parte anche Gemma Vecchio, presidente di Casa Africa, l’Associazione che dal 2009 si batte per lo sviluppo umano a tutto tondo con iniziative di segno politico e con mille azioni di aiuto ai migranti, immigrati, rifugiati, senza distinzione di appartenenza religiosa, culturale o di provenienza geografica.

Che una donna come Sahlework Zewde nell’ottobre del 2018 sia divenuta capo dello Stato con voto unanime del Parlamento, e che un’altra donna sia stata nominata Presidente della Corte Suprema in Etiopia sono stati davvero eventi straordinari, ma non sono bastati al raggiungimento di una vera emancipazione della donna in tutto il paese. Molteplici sono le contraddizioni e le difficoltà per il riconoscimento di una vera parità e occorre accendere un faro sul fenomeno che non sembra certo arretrare in questi ultimi mesi. Questo l’obiettivo degli organizzatori della Conferenza e della sede prescelta per sensibilizzare la stampa e i media sul fenomeno del perdurare di condizioni di sottomissione delle donne in Etiopia.

1 Dicembre 2019
di Maria
0 commenti

Mercatino di Natale per Casa Africa da Sabato 7 Dicembre

Presso l’Hotel Residenza in Farnese in Via del Mascherone 59, Casa Africa avrà uno stand per esporre e vendere manufatti e oggetti artistici a partire da sabato 7 dicembre e per tutto il periodo che precede il Natale. I proventi raccolti dalle vendite serviranno a sostenere le attività dell’Associazione e i suoi progetti in favore di migranti, immigranti e persone bisognose che trovano nell’Associazione un interlocutore sempre attento ai loro bisogni.
Intanto fervono i preparativi per confezionare cuscini, tende, foulard per divani, borse, realizzati dalle ragazze impegnate nel corso di cucito a da altre volontarie, grazie al recupero di tessuti di pregio messi a disposizione da hotel del centro storico di Roma che conoscono l’impegno di Casa Africa e della sua presidente Gemma in favore di chi è meno fortunato.
Grazie a tutte le persone che stanno aiutando Casa Africa in questo progetto! Grazie a RomAltruista per averci messo a disposizione una pagina che  incoraggia altri volontari a darci una mano in questa attività!

16 Novembre 2019
di Maria
0 commenti

Benvenuti a Cena! A casa di Gino una cena per creare integrazione e solidarietà

Gino, volontario nella Scuola di Italiano di Casa Africa dall’inizio dell’anno, ha accolto la proposta di RomAltruista di realizzare una cena a casa propria, in cui riunire intorno alla tavola ragazzi migranti insieme ai membri della propria famiglia e amici, per un momento di condivisione e di amicizia. Presente alla cena del 15 novembre a casa di Gino, anche la Presidente di Casa Africa, Gemma Vecchio.
“Benvenuti a cena” è l’iniziativa sostenuta da RomAltruista per favorire l’integrazione dei ragazzi migranti presso la collettività che li ospita e accorciare le distanze legate alle differenze culturali.  Per agevolare l’interazione tra i partecipanti e aiutare nell’organizzazione dell’evento, un paio di mediatori culturali collaborano con la famiglia ospitante: è così che  l’organizzazione di queste cene multietniche si sta diffondendo in tanti quartieri di Roma. Ogni ragazzo porta un piatto che avrà preparato secondo la ricetta del proprio paese o semplicemente un dolcetto comperato per ringraziare la famiglia romana dell’ospitalità e conquistare la famiglia italiana con un gesto semplice, ma ricco di significato e di valori comuni a tutti i popoli.
La cena da Gino con la sua bella famiglia è stata una bellissima occasione per accogliere tre ragazzi migranti  e dare loro un momento di serenità e di calore. Applausi (come nella foto) ai promotori e ai realizzatori dell’iniziativa!
La partecipazione alle cene multiculturali è un modo piacevole non solo per avvicinarsi e conoscere meglio la cultura e le tradizioni di chi è arrivato da poco nel nostro paese ma dà anche la possibilità di contribuire all’inclusione sociale dei nuovi arrivati e di rafforzare presso la famiglia ospitante e i suoi amici la consapevolezza della dimensione multiculturale delle nostre città.

17 Ottobre 2019
di Maria
0 commenti

“Esperienze formative e inclusione lavorativa”: la Tavola Valdese ha approvato il progetto di Casa Africa

E’ stato finanziato il progetto che presentammo lo scorso dicembre rispondendo al bando della Tavola Valdese che destina il suo “8 per mille” a progetti di associazione ed enti che promuovono solidarietà e crescita sociale, sia in ambito nazionale che internazionale.
Il progetto era articolato in diversi moduli e la commissione valutatrice ne ha finanziati due, consentendoci di realizzare nei prossimi mesi alcune azioni, rilevanti e utili per la futura inclusione nel mondo del lavoro dei nostri studenti: la formazione dell’informatica di base e la preparazione ai lavori domestici e di cura alla persona. Queste le finalità del Progetto:
Favorire la rapida acquisizione di competenze trasversali spendibili in diversi ambiti lavorativi;
Migliorare la ricerca di sbocchi occupazionali dei migranti e potenziare la propria occupabilità superando il “digital devide” di molti ragazzi africani;
Far acquisire loro maggiore consapevolezza delle proprie capacità, migliorarne l’autostima e la comprensione del nuovo contesto sociale.
Nelle prossime settimane avvieremo la fase organizzativa del progetto e da gennaio si entrerà nella fase operativa.

15 Ottobre 2019
di Maria
0 commenti

I volontari della scuola di Casa Africa: un patrimonio di competenze e umanità, anche grazie a RomAltruista!

Sono sempre più numerosi i volontari cosiddetti “flessibili” che per un periodo di qualche mese affiancano il nocciolo duro dei dieci insegnanti fissi che costituiscono dal 2009 il Coordinamento della Scuola. Si tratta di giovani universitari, liberi per un periodo dagli impegni di studio, più spesso persone in cerca di un lavoro e che durante l’attesa di un colloquio e una risposta, decidono di offrire le proprie competenze a chi deve aumentare le proprie. Molti altri sono pensionati che trovano nell’insegnamento ai migranti un impegno serio ma anche gioioso, al quale dedicare parte del proprio tempo, ora che devono rivedere la propria agenda, ormai libera dei tanti impegni di relazioni interpersonali, croce e delizia del mondo del lavoro.

I volontari a Casa Africa sono stati nell’ultimo anno circa 280 e hanno animato le nostre classi di italiano permettendoci di tenere attive ogni giorno tre classi differenti e parallele, mattina e pomeriggio, e alcune lezioni frontali per singoli allievi particolarmente bisognosi di sostegno. Casa Africa si giova nella ricerca di volontari di RomaAltruista,  un’Associazione che ha creato, otto anni fa, una piattaforma web in cui ogni romano può trovare l’attività di volontariato che più si adatta alla propria personalità, alle proprie attitudini e ai propri impegni,  grazie ad una bacheca  piena di proposte accattivanti e di articoli interessanti scritti proprio dai volontari. Sul blog di RomAltruista, Federico racconta la sua esperienza a Casa Africa!
Nel 2018 la Scuola di Casa Africa è stata il secondo ente per numero di ore di volontariato fruite – certifica il bilancio 2018 di RomAltruista –  dopo l’Associazione no profit Opere Antoniane. Non possiamo che augurare a questa bella realtà romana un buon compleanno! …ora che festeggia i suoi 8 anni di operatività!