Casa Africa ospita studenti di un progetto Erasmus Plus

| 1 commento

Allievi europei e studenti  migranti insieme a lezione di interculturalismo!

di Anna Pacaccio

Il 23 marzo scorso si sono svolte lezioni di italiano ad eccezionali gruppi classe che hanno visto la partecipazione degli studenti di un progetto Erasmus Plus provenienti da Grecia, Turchia, Repubblica Ceca, Romania e Italia. La lingua come aspetto e strumento di cultura è stato l’oggetto delle lezioni in nome dell’accettazione e del confronto interculturale, perché ogni cultura ha diritto a conservare la propria identità arricchendosi al contempo nell’interazione dinamica con le altre. Un esempio reale di ciò che ogni giorno si svolge nella nostre classi interculturali, dove la costruzione dell’identità di ciascuno è essenziale per far comprendere di sé e comprendere gli altri promuovendo un approccio aperto e senza pregiudizi.

In questa piacevole e straordinaria atmosfera protesa all’insegnamento della lingua come veicolo interculturale, si sono tenute due ore di “educazione linguistica applicata a modelli socio-culturali italiani”, inducendo, tra conoscenze linguistiche e riflessioni interculturali, ad una maggiore consapevolezza della propria cultura e, grazie al naturale confronto, ad una reinterpretazione dei propri usi e rituali greci, rumeni, piuttosto che cechi, turchi, senegalesi o burkinesi. Ciò che ne è seguito è stato a dir poco sorprendente, confermando e dimostrando come studenti appartenenti a culture diverse possano piacevolmente mescolare conoscenze ed esperienze linguistiche in nome di un percorso didattico che crediamo possa realmente ridurre le distanze!

 

Autore: Maria

Responsabile dal 2010 al 2013 della Settimana europea della democrazia locale presso il Consiglio d'Europa (Strasburgo), è stata Segretario Generale della Fondazione Anci Ideali (Bruxelles) dal 2003 al 2009 e dal 1988 dipendente dell'Anci nazionale a Roma, responsabile dal 1995 dell'ufficio per le politiche comunitarie, le relazioni internazionali e il Mezzogiorno. Dal 2017 collabora con Casa Africa.

Un commento

  1. Condividerò il post con i miei followers di Facebook

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.